Back

News

Sabato 21 gennaio la città Etrusca di Spina su RaiTre (rubrica "Bellitalia", ore 11)

Nel Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, multiproiezioni e schermi digitali raccontano la storia della città etrusca di Spina, per tre secoli importante centro di scambi commerciali con il Mediterraneo e con Atene.

Alla storia di questo museo e ai recenti allestimenti virtuali che illustrano la vita della città portuale fra il VI e il III secolo a. C., è dedicato il servizio di Giorgio Tonelli dal titolo “Spina: l’emporio del mondo antico” in onda sabato 21 gennaio in tutta Italia alle ore 11 su Raitre nella rubrica “Bellitalia”.

Il Direttore del museo, Caterina Cornelio, e l'archeologo della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna, Valentino Nizzo, illustrano vicende, novità e curiosità degli scavi archeologici e del bel Palazzo Costabili, detto di ‘Ludovico il Moro’, che dal 1935 ospita il museo che espone gli strepitosi reperti recuperati nella necropoli di Spina.

Back

Eventi

L’amore al tempo della guerra

Percorso tematico tra i vasi greci esposti nel museo: dall’amore di Teti e Peleo a quello di Ettore e Andromaca, da Priamo a Cassandra, dal mitico Achille alla triste storia di Ifigenia

La mostra è aperta dall’11 febbraio al 22 aprile 2012 negli orari di visita del museo: martedì-domenica dalle 9.30 alle 17 (ultimo accesso ore 16.30)

Eros ed Eris, il Dio dell'Amore e la Dea della Discordia, gli antipodi del mito e della vita, capaci di infiammare i cuori o un'intera città. Sono loro i registi nemmeno troppo occulti della guerra per eccellenza dell’antichità, quella di Troia, sul cui sfondo sbocciano e vivono una serie di amori, tutti inevitabilmente destinati a una fine tragica. Anticipando di pochi giorni i festeggiamenti per San Valentino, il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara inaugura l’11 febbraio, alle ore 17, la mostra “L’amore al tempo della guerra”, singolare itinerario tra le tante storie d’amore raffigurate sulle ceramiche spinetiche, curato dagli archeologi Caterina Cornelio e Mario Cesarano.

prenota